Auditel

Con il SuperPanel formato da 16.100 famiglie residenti
in Italia (un unicum a livello internazionale)
Auditel monitora la TV e i cambiamenti del Paese

Auditel
;

Una vasta indagine sociale, un metodo rigoroso

L’intera architettura tecnologica grazie alla quale Auditel è in grado di misurare ogni giorno, 24 ore su 24, minuto per minuto, gli ascolti televisivi (contenuti editoriali e pubblicità) poggia su una grande indagine sociale che viene realizzata visitando le case di oltre 20 mila famiglie: la Ricerca di Base Auditel. Accurato processo di rilevazione che “fotografa” sette volte l’anno la società italiana, le strutture familiari e le loro interazioni con i media, la Ricerca di Base permette di generare (e sistematicamente rinnovare) il SuperPanel™ Auditel, un campione che, in rapporto alla popolazione, non ha uguali a livello mondiale, giacché conta sulla collaborazione di ben 16.100 famiglie, equivalenti a circa 41.000 individui. Il SuperPanel™ è estremamente importante perché garantisce ad Auditel un’assoluta granularità nella rilevazione delle emittenti piccole, tematiche e locali; e un’assoluta stabilità anche nella misurazione delle emittenti a più vasto ascolto. Non basta. Proprio grazie al SuperPanel™ è stato possibile costruire la complessa architettura tecnologica che ha dato vita alla soluzione Auditel per la rilevazione dei device digitali, il nuovo sistema di rilevazione censuaria - attivo dal 16 dicembre 2018 - che permette di misurare, su tutti i device digitali, gli ascolti della cosiddetta TV oltre la TV. Facendo leva, quindi, su una vasta indagine sociale (la Ricerca di Base), su una metodologia campionaria rigorosa (il SuperPanel™) e su una scelta di assoluta avanguardia (la soluzione Auditel), oggi Auditel ha conquistato un ruolo di assoluta avanguardia a livello internazionale, divenendo un punto di riferimento nel settore di appartenenza.

Cos’è e come funziona la Ricerca di Base Auditel

La Ricerca di Base Auditel è una grande indagine sociale che: 1. sette volte l’anno, intervista – esclusivamente nella loro abitazione – complessivamente 20 mila famiglie residenti in Italia; 2. alimenta una grande banca dati; 3. permette di estrarre il campione destinato a formare il SuperPanel™ Auditel. La Ricerca di Base Auditel consente di scattare una fotografia in alta definizione del fenomeno televisivo in Italia grazie alla dimensione del campione (41 mila individui); alla dispersione del campione (oltre 3.500 degli 8.000 comuni italiani); all’approfondimento delle informazioni raccolte; e alla metodologia usata, ossia Computer Assisted Personal Interview (CAPI) face-to-face. Applicando rigorosi criteri statistici, Auditel ha costruito, attraverso la Ricerca di Base, un campione (il SuperPanel™) altamente rappresentativo della popolazione italiana su basi geografiche, demografiche e socioculturali: tutti gli individui d’età superiore ai 4 anni (dati Istat) residenti sul territorio nazionale. Tanto che la Ricerca di Base - grazie anche alla preziosa collaborazione con Banca d’Italia e con ISTAT - è ora profondamente incardinata nel sistema statistico nazionale, giacché permette di scattare una fotografia unica del Paese e delle sue trasformazioni.

Cos’è e come funziona il SuperPanel Auditel

Le 16.100 famiglie incluse nel SuperPanel Auditel sono estratte in modo anonimo e casuale grazie alle risultanze della Ricerca di Base Auditel. Il SuperPanel ha una composizione ed un sistema di ponderazione che permettono di rappresentare correttamente il collettivo di riferimento, più ampio, da cui è stato estratto. La rappresentatività si basa su due fattori. Il primo fattore è un sistema di celle di reclutamento nelle quali si incrociano: 1. variabili geografiche (aree e dimensioni dei comuni); 2. caratteristiche strutturali delle famiglie (età del capofamiglia e numero di componenti); 3. dotazione di apparecchiature televisive. Il secondo fattore è un doppio sistema di espansione (uno per i dati familiari ed uno per quelli individuali) caratterizzato da una pre-espansione per celle e da una successiva pesatura iterativa marginale. Il SuperPanel è allocato sulle 103 province italiane in modo proporzionale alla popolazione. La dispersione territoriale consente di coprire oltre 3.500 degli 8.000 comuni italiani. Le famiglie del panel sono dotate di un meter, un’apparecchiatura elettronica che individua automaticamente il canale sintonizzato sul televisore. Ogni giorno, minuto per minuto, i meter rilevano l’ascolto televisivo sia dei componenti della famiglia che degli ospiti eventualmente presenti.

Sono oltre 100 le tipologie di pubblico rilevate da Auditel

Guardali tutti

Sesso

  • Maschi
  • Femmine

Responsabile Acquisti

  • Responsabile Acquisti Lavora
  • Responsabile con figli 0-3
  • Responsabile con figli 4-7
  • Responsabile con figli 8-14

Abbonamenti e Pay Tv

  • Pay tv sat
  • Pay tv sat con HD
  • Pay tv con Sky Cinema
  • Pay tv sat con Sky Sport
  • Pay tv sat con Sky Calcio
  • Pay tv sat con My Sky

Accesso internet da casa

Possesso Sat Free

  • Decoder TV sat
  • Decoder sat free

Età

  • 4/7
  • 8/14
  • 15/19
  • 20/24
  • 25/34
  • 35/44
  • 45/54
  • 55/64
  • 65/69
  • 70/74
  • 75+

Componenti

  • Monocompomente
  • Bicomponente
  • Tricomponente
  • Quadricomponente
  • Cinque componenti e oltre

Classe socio-economica

  • Classe Alta
  • Classe Medio Alta
  • Classe Media
  • Classe Medio Bassa
  • Classe Bassa

Attività

  • Professione di alto livello
  • Professione di livello medio
  • Lavoratore autonomo
  • Occupazione esecutiva
  • Casalinga
  • Pensionato
  • Non occupato
  • Bambino/Studente

City Size

  • Fino a 10mila
  • Da 10mila a 100mila
  • Da 100mila a 250mila
  • Oltre 235mila

Adulti con figli 0-3

Adulti con figli 4-14

Pay Tv Sat

Free Tv Sat

Numero Tv

  • 1 Tv
  • 2 Tv
  • 3 Tv
  • 4 Tv
  • 5 Tv
  • 6 Tv
  • 7 Tv
  • 8 Tv
  • 9 Tv

Set Location

  • Soggiorno
  • Cucina
  • Camera letto
  • Camera ragazzi
  • Altra stanza

Titolo di studio

  • Nessuno
  • Elementari
  • Medie Inferiori
  • Medie Superiori
  • Laurea

Nazionalità

  • Famiglia di soli Stranieri
  • Famiglia di soli Italiani
  • Famiglia mista
  • Individui Stranieri
  • Individui Italiani

Età bambini

  • 4/5
  • 6/7
  • 8/10
  • 11/14

Ciclo della famiglia

  • Persona sola con meno di 65 anni
  • Persona sola con almeno 65 anni
  • Coppia senza figli con capo famiglia di età inferiore a 65 anni
  • Coppia senza figli con capo famiglia di età maggiore o uguale a 65 anni
  • Coppia con 1 figlio
  • Coppia con 2 figli
  • Coppia con 3 o più figli
  • Mono genitore
  • Altro

Le categorie che compongono questi target possono essere incrociate tra loro grazie all’impiego dei software di analisi disponibili sul mercato.
Non ci sono limitazioni al tipo di combinazioni di pubblici che si possono costituire.

Tutti i raggruppamenti che non sono basati su caratteristiche precipue del singolo individuo (come il sesso, l’età o il titolo di studio) sono disponibili sia a livello individuale sia familiare. Ad esempio, è possibile costituire il gruppo d’individui di una certa Regione d’Italia, ma anche il gruppo di famiglie della stessa Regione. O costituire il target d’individui abbonati a Sky, ma anche quello delle famiglie abbonate a Sky.

Scorri

Scorri sulla foto per scoprire di più

Cos’è e come funziona il sistema campionario

Le 16.100 famiglie (rappresentative dell’intera popolazione residente in Italia) che formano il campione Auditel, il cosiddetto SuperPanel, sono dotate di un’apparecchiatura elettronica (chiamata in gergo Meter) che consente di monitorare, 24 ore su 24, i loro consumi televisivi fruiti su televisore tradizionale, Smart TV, PC, Game Console, etc. I dati del monitoraggio vengono raccolti, ponderati e prodotti da Auditel attraverso una complessa architettura tecnologica per essere resi pubblici ogni giorno poco prima delle 10 di mattina. Dopo averli elaborati, una serie di software house attive sul mercato fornisce ai clienti (broadcaster, investitori pubblicitari, centri media etc.) analisi sofisticate dell’ascolto TV. Auditel, infatti, produce una massa di informazioni molto dettagliate sui telespettatori (quali sesso, età, collocazione geografica, classe socio-economica, livello di scolarità) e sulla performance dei programmi (dalla share ai minuti visti, dai picchi alle cadute) che sono preziose sia per chi si occupa di contenuti sia per chi si occupa di pubblicità. Auditel, cioè, produce ogni giorno una currency, una moneta riconosciuta dal mercato che viene utilizzata per regolare i rapporti commerciali tra chi fa televisione e chi in televisione acquista spazi pubblicitari.

Questi sono i dati
di ascolto rilevati
con il sistema campionario

Ascolto Medio

Ascolto nel minuto medio (AMR) indica il numero medio dei telespettatori di un Programma. È pari al rapporto fra la somma dei telespettatori presenti in ciascun minuto di un dato intervallo di tempo e la durata in minuti dell’intervallo stesso.

Share

La Share (SH) indica il rapporto percentuale tra gli ascoltatori di un canale TV e il totale degli ascoltatori che stanno guardando qualunque altro programma sulle diverse reti. È il dato più utilizzato dai media quando scrivono di ascolti TV.

Penetrazione

La Penetrazione (PE) indica il rapporto percentuale tra gli ascoltatori di una certa categoria e il loro universo statistico di riferimento. Per esempio, quanti ragazzi di 15 anni vedono un programma rispetto al totale 15enni del SuperPanel™ Auditel.

Contatti netti

Il dato dei Contatti netti (CO) indica tutte le singole persone che vedono almeno un minuto di un certo programma. Si contano una volta sola. Questo dato, nel gergo degli addetti ai lavori, è definito anche Copertura.

Minuti Visti

Il dato Minuti Visti (MV) indica il numero medio di minuti visti dai telespettatori per ogni programma. È pari al rapporto tra l’ascolto medio di quel programma, moltiplicato per la durata e diviso per i contatti netti.

Permanenza

La Permanenza (PR) è il dato indicatore della fedeltà di visione. Si ottiene come rapporto percentuale tra il numero di minuti visti in media dagli ascoltatori di un certo programma e la durata del programma.

Cos’è e come funziona il sistema censuario

Dal 16 dicembre 2018 Auditel ha affiancato al sistema di raccolta campionario il sistema di raccolta censuario, il cosiddetto sistema per la rilevazione dei device digitali.
Il sistema per la rilevazione dei device digitali rileva gli ascolti TV fruiti, in casa e fuori casa, su Smart TV, Tablet, PC, Smartphone e Game Console, attraverso una tecnologia sofisticata (SDK+Focal Meter) e attendibile che prende in considerazione solo gli ascolti reali, gli stream view, e non gli stream start o le stream request. Auditel ha installato direttamente nei player da cui i broadcaster erogano i loro contenuti un tag digitale o SDK che misura, secondo per secondo, dispositivo per dispositivo, senza intermediazione di alcuno, la fruizione di ogni contenuto editoriale o pubblicitario emesso e realmente fruito da un individuo. La soluzione Auditel non sostituisce il sistema campionario, bensì lo integra. Una serie di step evolutivi (già programmati) consentiranno l’incrocio tra i dati del sistema campionario e i dati del sistema censuario generando la cosiddetta Total Audience, ossia l’integrazione degli ascolti della TV tradizionale con quelli dei device digitali, attraverso metriche univoche e omogenee, che verranno rese disponibili sia con standard digitali sia con i tradizionali standard televisivi.

Questi sono i dati
di ascolto rilevati
con il sistema censuario

Average Minute
Rating-Device

L’Average Minute Rating-Device (AMR-D) indica l’ascolto nel minuto medio digitale fruito live e on demand (VOD). Di fatto è identico all’AMR della TV tradizionale, ma invece di misurare gli spettatori nel minuto medio allo stato quantifica i device nel minuto medio.

Legitimate
Stream

Il Legitimate Stream (LS) misura il volume di stream erogati e visti di un contenuto, lineare (live) oppure on demand (VOD) per almeno 300 millisecondi (soglia tecnica per avere certezza dell’effettivo avvio dello stream) da ciascun device.

Total Time
Spent

Il Total Time Spent (TTS) è calcolato sommando tutti i secondi in cui ciascun device ha visualizzato contenuti editoriali e pubblicitari di un singolo canale. Si calcola per settimana, fascia oraria, classe di device e modalità di visione.

Average Stream
Duration

La misurazione degli ascolti TV su device digitali non è sommabile a quella sugli individui. L’Average Stream Duration (ASD) misura il tempo medio di visione del singolo Legitimate Stream. Si calcola dividendo il TTS per il numero di LS.

Cosa rileviamo con il sistema censuario

I dati prodotti dal sistema censuario coprono un perimetro in costante evoluzione e si riferiscono a un insieme di canali che, oltre a quelli della TV tradizionale, include anche quelli espressamente creati per il mondo digitale. L'elenco delle "properties" e dei canali rilevati viene costantemente monitorato e aggiornato a cadenza mensile.

Cos’è e come funziona la Golden Rule

Così come è accaduto per il SuperPanel e, quindi, per la rilevazione dei dati in modalità campionaria, anche per la rilevazione dei dati in modalità censuaria Auditel ha definito una Golden Rule.
La Golden Rule è l’insieme di regole capaci di garantire a tutto il mercato la certezza della univocità delle elaborazioni. Per esempio, nel caso del sistema per la rilevazione in modalità censuaria dei consumi televisivi sui device digitali, la Golden Rule assicura che tutte le medesime elaborazioni prodotte dalle differenti software house, nonostante le migliaia di diverse combinazioni possibili, o software diversi, producano il medesimo risultato fino al terzo decimale. Una differenza ben marcata dalla regola che segue: la soluzione Auditel prende in considerazione soltanto gli stream view e non - come fanno taluni soggetti presenti sul mercato delle metriche - gli stream start o gli stream request. Il Legitimate Stream (LS) di Auditel, così, misura il volume di stream erogati e visti – tanto in modalità lineare quanto on demand - di un contenuto per almeno 300 millisecondi (soglia tecnica per avere certezza dell’effettivo avvio dello stream) da ciascun device. Di conseguenza, il mercato può far conto e leva su una currency unica che ha caratteristiche di assoluta garanzia: fornisce elaborazioni più accurate;è univoca rispetto a tutti i software di elaborazione;è più affidabile.

Cos’è e come funziona il Single Source Panel

L’estensione - un primato a livello internazionale per le dimensioni del campione rilevato (16.100 famiglie) in rapporto alla popolazione – e la qualità - certificata dai protocolli con cui viene reclutato, gestito e controllato attraverso l’accurata indagine della Ricerca di Base – fanno del SuperPanel Auditel l’unico “motore” al mondo capace di misurare sia i consumi della TV tradizionale che i consumi della TV in streaming, su tutti i device (televisore tradizionale, Smart TV, Tablet, Smartphone, PC, Game Console), in casa e fuori casa, svolgendo il cosiddetto ruolo di Single Source Panel, ossia la fonte unica attraverso la quale integrare i due sistemi di rilevazione: quello campionario e quello censuario. La costruzione del SuperPanel si è rivelata, quindi, vincente da ogni punto di vista.
Ha garantito (e garantisce) un’assoluta precisione nella rilevazione degli ascolti. Ha garantito (e garantisce) una perfetta concordanza del campione con l’universo della popolazione italiana (sono state, infatti, ridefinite con maggiore precisione le classi socio-economiche, che non vengono più attribuite sulla base del mero possesso dei beni, bensì secondo una logica ordinamentale e dinamica). Ma, soprattutto, vale la pena di ribadirlo, ha portato alla nascita del Single Source Panel, e presto permetterà ad Auditel di arrivare a definire la Total Audience della televisione.

Alla fine arriverà la Total Audience della TV

Attualmente gli ascolti televisivi rilevati attraverso il sistema campionario e gli ascolti televisivi rilevati, in casa e fuori casa, sui device digitali attraverso il sistema censuario, viaggiano, per così dire, in modalità parallela.
I dati prodotti dal nuovo sistema censuario, infatti, non sostituiscono quelli prodotti dal sistema campionario né vi possono essere sommati: semplicemente li affiancano. Ma lo Standard Auditel, in questo momento, è solo al primo step di un processo - già programmato – di implementazione che, accompagnando l’annunciata evoluzione tecnologica del settore (lancio e diffusione su larga scala del sistema trasmissivo 5G; progressiva sostituzione dei televisori tradizionali con Smart TV), consentirà, a regime, di poter sommare l’ascolto di un programma, di uno specifico contenuto, di uno spot pubblicitario fruito attraverso il televisore con l’ascolto dello stesso programma, dello stesso specifico contenuto, dello stesso specifico spot realizzato su ogni singolo device digitale, ottenendo, così, la total audience complessiva conseguita nel minuto medio.
La ‘Total Audience della televisione’ (come è definita in gergo tecnico dagli stakeholder) è la “chimera” di tutte le società di rilevazione degli ascolti e di tutti gli omologhi internazionali di Auditel: tutti ci stanno lavorando, nessuno fino ad oggi è ancora riuscito a realizzarla.

Cos’é e come funziona il controllo dei dati

L’assoluta attendibilità dei dati Auditel è garantita da un rigoroso sistema di controllo che si sostanzia in 10 punti:
1. pieni diritti di proprietà intellettuale su infrastrutture, protocolli, know-how e data-base al fine di garantire un presidio integrale sull’intero processo e la totale trasparenza (no black box); 2. protocolli, algoritmi, procedure interamente vigilabili e auditabili; 3. controllo incrociato continuativo di tutti i soggetti rilevati in concorrenza tra loro che dispongono di una verifica costante sulla qualità dei dati; 4. pieno controllo per i soggetti che svolgono attività di vigilanza su Auditel, per i quali è predisposto un protocollo di “riproduzione” del dato affidato ad un revisore terzo, eseguibile anche a distanza di mesi dalla pubblicazione; 5. controlli sistematici su procedure, sicurezza informatica, trattamento dei dati e gestione delle famiglie del SuperPanel, in base a protocolli certificati affidati a revisori terzi; 6. controlli a campione realizzati da revisori terzi in base a protocolli verificati; 7. sviluppo di sistemi automatizzati proprietari per la internalizzazione dei controlli incrociati sui dati; 8. controlli sui team e sul processo di formazione e aggiornamento degli addetti; 9. vigilanza di tre Authority (AgCom, Agcm, Garante Privacy); 10. procedura stringente e continuativa di Risk Mapping per identificare i principali rischi cui Auditel può essere esposta, valutarne i possibili impatti e aggiornare costantemente le misure per mitigare e/o neutralizzare tali rischi.

Chi vigila su tutte le attività di Auditel

L’intera attività di Auditel è profondamente incardinata nell’assetto regolatorio del Paese ed è sottoposta alla cura e alla vigilanza di tre autorità di regolazione: l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AgCom); l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm); il Garante per la protezione dei dati personali (Garante Privacy). Con le tre Authority il dialogo è costante. Per esempio, il nuovo campione, il SuperPanel, la gestazione del modello che lo regola e il piano di implementazione, sono stati oggetto di un lungo processo di verifica e condivisione con Agcom, che, in ossequio alla legge 249 del 1997, “cura le rilevazioni degli indici di ascolto e di diffusione dei diversi mezzi di comunicazione; vigila sulla correttezza delle indagini sugli indici di ascolto e di diffusione dei diversi mezzi di comunicazione rilevati da altri soggetti, effettuando verifiche sulla congruità delle metodologie utilizzate e riscontri sulla veridicità dei dati pubblicati, nonché sui monitoraggi delle trasmissioni televisive e sull'operato delle imprese che svolgono le indagini”. Auditel ottempera a questo obbligo con una nota informativa - disponibile in PDF su questo sito e sul sito AgCom - in cui fornisce ogni dettaglio su tutti gli aspetti metodologici e tecnologici della propria soluzione.