Servizi di rilevazione

Come accedere agli "output" della rilevazione

Auditel è proprietaria dei dati di ascolto prodotti attraverso il sistema panel/meter.

Per assolvere il proprio obiettivo istituzionale di garantire una larga diffusione delle informazioni, senza “restrizioni” di alcun tipo, Auditel distribuisce le proprie informazioni a livello di dato elementare, individuale e minuto per minuto.

In tale modo si rende possibile qualsiasi tipo di analisi ed un’indiretta ma chiara azione di controllo della “performance” della Ricerca.

Per descrivere i criteri di distribuzione e i relativi costi occorre distinguere tra due tipologie di richiedenti:

  • Emittenti televisive (interessate alla rilevazione e pubblicazione dei dati di ascolto conseguiti dai propri programmi per valutarne la “performance” ed offrirli al mercato).
  • Utilizzatori professionali cioè una molteplicità di soggetti interessati a conoscere i dati di ascolto per analisi di carattere pubblicitario (Agenzie, Centrali Media, Aziende investitrici, ecc.).

Il Costo di accesso ai singoli servizi di rilevazione

Emittenti televisive

I costi per poter ottenere le informazioni, previa sottoscrizione di un contratto con Auditel, variano in funzione del “peso” televisivo dell’antenna richiedente.


EMITTENTI NAZIONALI sia terrestri che satellitari.

Definito il costo annuale totale della ricerca da addebitarsi alle emittenti nazionali, tale importo viene ripartito tra le emittenti che autorizzano la pubblicazione in base alla quota (share) di ascolto annuale conseguita. 
Tale valore è riproporzionato al totale ascolto delle emittenti che partecipano e comprende un livello minimo, comunque garantito, di 34.800,00 Euro per soggetto.

Auditel consente ad ogni emittente nazionale che ne fa richiesta di poter aprire una finestra sui propri risultati di ascolto ottenendo la possibilità di una produzione riservata cioè senza pubblicazione al mercato dell’informazioni. Tale periodo di prova ha il seguente costo mensile:

Euro 3.350,00 per il dato giornaliero e medio mensile.

 

EMITTENTI LOCALI

Il costo annuale viene definito sulla base dei contatti netti del giorno medio annuale (o mensile nel caso di nuova iscrizione) con tre livelli minimi di costo ed un livello massimo:

  • fino a 100 mila contatti:  Euro 4.360,00
  • per contatti oltre i 100 mila:  Euro 12,00 ogni mille contatti

Le emittenti che chiedono la pubblicazione di dati elementari giornalieri devono corrispondere un ulteriore costo annuale di Euro 5.100,00.

Auditel consente ad ogni emittente locale che ne fa richiesta di poter aprire una finestra sui propri risultati di ascolto ottenendo la possibilità di una produzione riservata cioè senza pubblicazione al mercato dell’informazioni. Tale periodo di prova ha il seguente costo mensile:

  • Euro 1.150,00 per il dato medio mensile (lunedì medio mensile, martedì medio mensile ecc.).
  • Euro 2.200,00 dato giornaliero e media mensile come sopra.

Utilizzatori professionali

Nel definire il costo di queste informazioni, Auditel ha considerato, preliminarmente, la necessità di evitare ogni problema di distorsione della concorrenza conferendo alle informazioni UN EQUO VALORE DI MERCATO.

I criteri adottati per un’efficiente ed equa circolazione dei dati Auditel si fondano sull’interazione di due “figure” di soggetti che ne fanno uso: i cosiddetti DEPOSITARI e gli UTILIZZATORI.

I “depositari” coincidono, generalmente, con le cosidette “software houses” o con altre Società che siano comunque specializzate nel realizzare sistemi di elaborazione, “incrociare” dati di eventi editoriali e pubblicitari, gestire librerie di software o garantire altri servizi necessari ai propri clienti.

I “depositari” ricevono da Auditel (che ne mantiene la piena proprietà) i dati di ascolto con l’obiettivo di disporne per esercitare servizi “a valore aggiunto”, cioè attività di trattamento o di analisi svolte su incarico di un “DESTINATARIO FINALE” (Agenzia, Centrale Media, Utenti di Pubblicità, Concessionaria, Società di Produzione, Studi Legali, nonché qualsiasi altra utenza individuale e/o professionale) che dovrà – di conseguenza – corrispondere ad Auditel un “DIRITTO DI ACCESSO”.

Questa “chip” d’ingresso viene riconosciuta dal “depositario” ad Auditel per il solo fatto di poter comunque disporre delle informazioni, anche in ipotetica assenza di clienti, allo scopo di esercitare attività di ricerca e sviluppo di nuovi software applicativi.

Auditel ha fissato detto “DIRITTO FISSO DEL DEPOSITARIO” in Euro 14.500,00 annui (tale corrispettivo non include il diritto per l’uso sulla classificazione per stili di vita, la cui proprietà intellettuale è di Eurisko, che viene assolto con richiesta a parte).

La vera remunerazione del dato Auditel avviene, perciò, nel momento in cui un UTILIZZATORE si rivolge ad una Società DEPOSITARIA.

Quest’ultima, infatti, chiederà al cliente utilizzatore di dichiarare il proprio numero di autorizzazione per provare l’avvenuta corresponsione ad Auditel del DIRITTO DI ACCESSO dovuto.

Ovviamente la software house, (che riceverà sistematicamente da Auditel una lista aggiornata dei soggetti che hanno assolto tale diritto di accesso), si impegna a comunicare ad Auditel i nominativi dei nuovi clienti da regolarizzare.

Il “numero di autorizzazione” (diritto di accesso annuale), ovviamente, si paga una sola volta e ha il vantaggio di permettere all’utente di rivolgersi a diversi centri media senza dover subire duplicazione di costi.

Il corrispettivo per il DIRITTO DI ACCESSO ai dati di ascolto Auditel è stato fissato sulla base dell’appartenenza ad un certo fatturato pubblicitario globale (“billing”). Per evidenti motivi di equità, l’entità del diritto cresce con le dimensioni dell’Agenzia (o del Centro Media, ecc.) richiedente, secondo un’articolazione per classi, come segue.

Diritto Annuale:

a) fino a 8       miloni di Euro gestiti:           Euro 4800,00
b) da 8,1   a 16  miloni di Euro gestiti:           Euro 9.200,00
c) da 16,1   a 31  miloni di Euro gestiti:           Euro 16.600,00
d) da 31,1   a 52 miloni di Euro gestiti:           Euro 25.000,00
e) da 52,1   a 104 miloni di Euro gestiti:           Euro 33.800,00
f) da 104,1   a 260 miloni di Euro gestiti:           Euro 48.000,00
g) da 260,1   a 390 miloni di Euro gestiti:           Euro 59.000,00
h) da 390,1   a 520 miloni di Euro gestiti:           Euro 70.400,00
i) da 520,1   a 640 miloni di Euro gestiti:           Euro 84.000,00
l) da 640,1   a 770 miloni di Euro gestiti:           Euro 112.000,00
m) da 770,1   a 900 miloni di Euro gestiti:           Euro 136.000,00

 

Costituiscono unica eccezione, eventuali FORNITURE OCCASIONALI che saranno disciplinate a parte. Ad esempio una consegna “ONE SHOT” su base mensile sarà resa possibile con un addebito calcolato sul mese solare, ma con l’ovvia limitazione di non poter essere svolta per più di 3 volte l’anno per uno stesso soggetto/cliente.

Una tariffazione “ad hoc” viene applicata alle richieste di altri soggetti non rientranti nelle categorie indicate in precedenza (case di produzione, editori, studi legali, società di consulenza, ecc.) che possono avere bisogno di conoscere discontinuamente i dati di ascolto.

Le tariffe indicate sono valide fino al 31 dicembre 2017.