Perché Auditel? 

Oltre che per monitorare il successo dei programmi offerti dalle Emittenti, la misurazione degli ascolti è  un elemento fondamentale per la pianificazione degli spazi pubblicitari, risorsa di cui la TV vive.

Perciò è necessario un organismo “super partes” che operi con trasparenza e affidabilità.

Indipendenza

Auditel è un Joint Industry Commitee (JIC) cioè un organismo a controllo incrociato che riunisce tutte le componenti del mercato televisivo:

  1. Gli investitori di pubblicità
  2. Le agenzie e i centri media 
  3. Le imprese emittenti

Innovazione

Le tecnologie, le scelte statistiche e i nostri rapporti, tengono il passo con un mondo che cambia.

L’ampiezza dell’offerta, i gusti dei telespettatori, le nuove abitudini di visione, sono altrettanti obiettivi d’ indagine.


Giovanni Buttarelli in visita ad Auditel

Per il  Garante Europeo della Privacy Auditel rappresenta un esempio di trasparenza per le aziende italiane.

Milano, 17 maggio 2018 - Il Garante Europeo della Protezione dei Dati, Giovanni Buttarelli, si è recato in visita presso Auditel a Milano, dove è stato accolto dal Presidente Andrea Imperiali e dai Consiglieri di Amministrazione, per discutere del nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy, che entrerà in vigore il 25 maggio, esattamente tra una settimana.

“La visita di oggi è un’ulteriore testimonianza del processo di certificazione avviato da Auditel per la rilevazione dei dati di ascolto basato sulla trasparenza, grazie alla costante e proficua interazione con le Autorità di Vigilanza”. Lo ha dichiarato Andrea Imperiali, durante l’incontro. Per Imperiali la pubblicazione dei dati censuari sui device digitali, prevista entro il 2018, "comportando per la prima volta il trattamento di Big Data, presenta risvolti particolarmente importanti legati alla tutela della privacy. Si tratta di aspetti su cui Auditel ha deciso già due anni fa di ridisegnare tutti i processi al fine di tenere un profilo estremamente rigoroso, vigilato, pienamente compatibile con gli impegni del Regolamento Europeo”.
La nuova normativa europea, nota come GDPR (General Data Protection Regulation) è una risposta, necessaria e urgente, alle sfide e agli sviluppi imposti dall’utilizzo della tecnologia e dai nuovi modelli economici, che devono tener conto della tutela dei dati personali, sempre più richiesta dai cittadini.
 

Leggi il comunicato completo

 


 

 

Imperiali-Bottarelli.jpg


Andrea Imperiali confermato Presidente di Auditel

Guiderà la società per il triennio 2018-2020

Milano, 9 maggio 2018 – L’Assemblea dei soci di Auditel, riunita oggi in sede ordinaria, ha confermato, per il triennio 2018-2020, il Presidente Andrea Imperiali di Francavilla alla guida della Società. Il suo mandato, come da statuto, avrà la durata di tre anni e scadrà quindi con l’approvazione del bilancio 2020. La conferma di Imperiali, che era subentrato alla guida della Società nel 2016, è stata decisa all’unanimità dai soci.
“Sono felice di poter dare seguito al Piano Strategico che permetterà alla Società di potenziare i suoi asset e di affrontare al meglio le nuove sfide determinate dal grande cambiamento tecnologico in atto” ha dichiarato il Presidente ringraziando i soci per la fiducia.

Leggi il comunicato completo

Relazione - 30 anni di Auditel - Le nuove sfide, la società italiana che cambia

Roma - Il 15 Febbraio 2018 presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio si è tenuto il convegno "30 anni di Auditel - Le nuove sfide, la società italiana che cambia".

Saluto introduttivo del questore della Camera, Stefano Dambruoso. Relazione di Andrea Imperiali, presidente Auditel. Interventi di Antonello Giacomelli, sottosegretario ministero Sviluppo economico, Angelo Marcello Cardani, presidente Autorità garanzie nelle comunicazioni, Giovanni Pitruzzella, presidente Autorità garante concorrenza e mercato, Giorgio Alleva, presidente Istat, Giovanni Buttarelli, garante Privacy Ue, Renato Loiero, presidente commissione Garanzia informazione statistica.
 

Il video è disponibile sul sito della Camera dei Deputati - Link


 


 

Auditel: al via il SUPERPANEL™

Triplica il campione che misura la televisione: il 30 luglio la pubblicazione dei dati.

Benefici sulla frammentazione degli ascolti, migliorano ulteriormente le stime statistiche.

Un piano di rilascio accompagnerà l’impiego delle nuove metriche con test e attività formative.

L’Italia si porta all’avanguardia nella ricerca per la rilevazione della TV, anche in vista dei nuovi device digitali.

Il Consiglio di Amministrazione di Auditel ha dato il via libera alla partenza del SuperPanel™. Dopo aver sostituito integralmente, già nel 2016, il proprio campione base di 5.700 famiglie, Auditel ha selezionato e installato altre 10.400 nuove unità familiari, dotate di set meter, già in grado di produrre i dati di ascolto. L’operazione - che non ha precedenti a livello internazionale – ha raggiunto l’obiettivo della confluenza dei due campioni, rappresentativi della popolazione italiana, in un unico imponente super-campione costituito da 16.100 famiglie (circa 41.000 individui).

In questo modo, triplicando di fatto le dimensioni della base di raccolta delle informazioni sull’ascolto della televisione, Auditel assicurerà ai dati rilevati maggiore robustezza e ulteriore precisione, oltre a costituire un asset fondamentale al servizio dei futuri sviluppi della Ricerca e del mercato.

Leggi il comunicato completo

"DEVICE DIGITALI": approvato il modello Auditel

Al via la realizzazione del nuovo sistema: entro il 2018 prevista la prima pubblicazione di dati censuari sui "device digitali". 

La ricerca ha accolto le soluzioni più innovative e impiegherà gli standard più all’avanguardia a livello internazionale. 

La Società si avvarrà di  comScore per sviluppare e implementare servizi e componenti tecnologici. 

Nasce un’infrastruttura fondamentale per l’innovazione del mercato italiano.
 

Con una operazione di ampio respiro internazionale, Auditel si pone all’avanguardia nella rilevazione dell’ascolto non solo della televisione tradizionale ma anche dei devices digitali.

A conclusione di una gara tra i principali Istituti di ricerca a livello internazionale, il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato all’unanimità il sistema che consentirà – con una soluzione innovativa – la misurazione della televisione “oltre la televisione”, rilevando anche i contenuti editoriali e la pubblicità su Smart TV, PC, smartphone e tablet.

Leggi il comunicato completo


Va in onda il Futuro

Prosegue, tappa dopo tappa, il percorso di Auditel: la rotta tracciata su una "roadmap" diretta alla costante evoluzione tecnica e metodologica della Ricerca.
Acquisita l’inclusione nel dato ufficiale delle audience "in differita" (time shifted viewing), cioè degli ascolti registrati oltre la giornata di messa in onda, e rappresentato all'interno del suo campione anche le famiglie "senza Tv", Auditel ha avviato una complessa indagine per rappresentare nel panel  le famiglie con almeno un componente straniero. Primo esempio in Italia, l'operazione "stranieri" stima il consumo televisivo delle etnie a forte flusso migratorio residenti in Italia.

L'"Agenda dell’innovazione" aperta da Auditel trova la sua applicazione pratica in una strategia attenta a "inseguire" i cambiamenti che stanno avvenendo nei comportamenti dei telespettatori che tendono a fruire di contenuti televisivi anche su internet, oltre lo schermo tradizionale del TV.
Il progetto "extended screen", che ha già  iniettato un "meter virtuale" nei PC, è solo il primo "step" di un piano che punta a tablet, smartphone e alla visione "on demand".

woman.png

​Presentazione Auditel

  Auditel ( PDF stampabile ) Italiano

Icon PRESS ON LINE febbraio 2017.pdf (472,4 KB)


  Auditel Presentation ( printable PDF ) English

Icon Auditel printable pdf (630,3 KB)

Ricerca Vs "Leggende"

 

Di tanto in tanto ritornano in circolo le scorie di qualche articolo "di colore", frammenti di leggende metropolitane, un po’ di spazzatura spaziale nell’universo della Rete che vorrebbe evocare incidenti di percorso compiuti da Auditel. Episodi già a suo tempo smentiti, vengono riproposti come "prova".

Non varrebbe la pena di occuparsene se non a titolo terapeutico: disintossicare dai luoghi comuni. E didattico: distinguere tra "errori",sempre statisticamente possibili, e "bufale". scopri di più